Tutto il gioco on line europeo in un Libro Verde

L’atteso Libro Verde sul gioco on line è stato reso noto nella sua interezza. Un mercato, questo che tra giochi e scommesse a livello europeo nel 2010 ha rappresentato il 45% del mercato mondiale. Da aprile a ottobre, si terranno le consultazioni pubbliche a livello europeo sul futuro del gaming online nel vecchio continente per intervenire su “tutte le sfide relative all’ordine pubblico e le possibili questioni relative al mercato interno derivanti dal rapido sviluppo del gambling on line lecito e illecito online offerto ai cittadini UE”.

Un’azione questa che ha l’obiettivo di raccogliere altri approfondimenti e dati sullo stato attuale del gioco on line in Europa e capire come ogni Stato membro affronta i problemi legati alla fornitura di servizi per il gioco. Al momento in Europa si contano e coesistono diversi modelli nazionali di regolamentazione per il gioco, dal momento che il mercato è disciplinato a livello nazionale dai governi dell’Unione.

Una bozza di Libro Verde era già stata resa nota l’11 gennaio scorso ai funzionari,  ai lobbisti e alle associazioni di categoria del gioco e conteneva una serie di domande (48) inerenti la risoluzione di problemi legati alla regolamentazione del gioco on line secondo criteri di trasparenza, uniformità e efficacia. Vengono affrontate questioni come la frode e la tutela del giocatore, la questione dei pagamenti, la commercializzazione e l’integrità, temi su cui diverse associazioni di categoria hanno chiesto di essere ascoltate.

Dalle risposte ottenute dalle autorità di regolamentazione, dagli operatori e dalle altre parti interessate, Barnier e il suo team, responsabili della stesura, potranno stabilire se i modelli di regolamentazione dei diversi paesi “potranno continuare a esistere e se è necessario uno specifico intervento dell’UE”.

Tra gli interrogativi posti, infatti, anche uno sullo “standing giuridico del mercato dopo le decisioni della Corte di giustizia europea e della giurisprudenza nazionale”; uno su “come viene affrontato l’approccio-marketing del gioco (in particolare attraverso gli spot TV e sulla stampa), e su “quali studi sono stati condotti sulle dipendenze da gioco, in ogni Stato membro dell’UE e quale sia il livello di diligence richiesto”.

Ma c’è interesse anche per “le migliori pratiche per combattere la frode, le partite truccate, e il riciclaggio di denaro” e “quali sono stati i metodi più efficaci per bloccare l’accesso ai servizi di gioco indesiderati”.

gioco on line
Anuncios

Responder

Introduce tus datos o haz clic en un icono para iniciar sesión:

Logo de WordPress.com

Estás comentando usando tu cuenta de WordPress.com. Cerrar sesión / Cambiar )

Imagen de Twitter

Estás comentando usando tu cuenta de Twitter. Cerrar sesión / Cambiar )

Foto de Facebook

Estás comentando usando tu cuenta de Facebook. Cerrar sesión / Cambiar )

Google+ photo

Estás comentando usando tu cuenta de Google+. Cerrar sesión / Cambiar )

Conectando a %s

A %d blogueros les gusta esto: